sreda, 22. avgust 2007

i gnûfs convertîts / novi konvertiti

Îr o fevelavi cuntun gno amì, ancje lui lessicolic, dal fenomen psicologjic dai gnûfs convertîts.
I "gnûfs convertîts" dispès a mostrin une iperidentificazion cul gnûf ambient, cul gnûf mût di vivi (p.e. ex-fumadôr cuintri i fumadôrs), cu la gnove religjon, cu la gnove patrie, cu la gnove lenghe - o plui concret cu la lenghe di maiorance.
Di lenghist mi interesse di plui l'ultin câs: la identificazion o miôr la iperidentificazion cu la lenghe di maiorance.
Tal stes contest o viôt ancje la invenzion dal popul dai "Windisch" in Carintie, un construt, ancje doprât dai naziscj tal timp de ocupazion nazistiche, une identitât intermedie tra il sloven e il todesc par dâ une man ae minorance slovene in Carintie a passâ al cjamp todesc.
Propit chei che abandonin la lôr identitât di minorance par meti sù il gaban plui comut e sigûr di maiorance, propit chei a mostrin dispès un compuartament agressîf e intolerant viers la lôr viele identitât par reson di provâ la lôr gnove identitât (in chest câs todescje) e par cjatâ il bon acet intal gnûf cjamp.
Però ae democrazie a coventin chei altris che a son responsabii pe diviersitât, pe impinions diviersis ancje se ae maiorance no i plâs. (o ise la democrazie la ditature de maiorance?)


novi konvertiti
Včeraj sem se pogovarjal z enim prijateljem, tudi trati čas s slovaropisjem, o psihološkem pojavu "novih konvertitov".
Novi konvertiti pogosto razvijejo hiperidentifikacijo z novim okoljem, z novim načinom življenja (npr. bivši kadilec proti kadilcem), z novo vero, z novo domovino, z novim jezikom - točneje z večinskim jezikom.
Kot jezikoslovec se zanimam za zadnji primer, identifikacija ali bolje hiperidentifikacija z večinskim jezikom, z večinskim narodom.
V tem sklopu vidim tudi izumljeno vindišarstvo na Koroškem, konstrukt, ki so se ga posluževali svojčas tudi nacisti, gre za tvorjene prehodne identitete, ki olajša slovenski manjšini "na fini način" prehod v nemštvo.



Ravno ti, ki so zavrgli svojo manjšinsko identiteto, da bi zaplavali v oni pravi smeri toka, ravno ti kažejo pogosto napadalno in netolerantno vedenje nasproti svoji odvrženi identiteti, da bi dokazali svojo brezpogojno pripadnost novi skupini in si utrdili položaj v novem taborju.
Demokracija potrebuje one druge, tudi če to večini ni všeč (ali je demokracija diktatura večine?)

3 komentarji:

ILfurlanist pravi ...

une biele riflession che a mertarès aprofondide... intant le ai segnalade su ILfurlanist ;-) mandi, Dree

Anonimni pravi ...

ai smitut di fuma tre agns fa e mi soi ricognossut in chest astio che ti cjape scuasit "taleban" viers chej che fumin.

Le analisi e je biele ma, a costo di sedi antipatic, o scugni di che sares complete e ecuilibrade se e analizzas ancje le fenomenologje dai neo-convertis al contrari;
viers le mionorance;
chei che metin su, citant janez, el "gaban" plui scomut e talore dificil di puarta e difindi dai dirits minoritaris.

Mi riferis in particolar a cui che, par lor formazion, cognossince cusience, o consapevolece al decit di impegnasi par une cause, tant par puarta un esempli di cjase, come che furlaniste.

Eco, ancje cirint di fa un discors calm, o viot nassi ancje in chest cas, (no simpri ma daspes) forme di convincimenti di ve il derit di detesta (no dopri odea parceche al e masse fuart) di scredità e di fa cuintri a certs valors, che no son maioritaris ma comuns.

E al sucet che da spes , par torna al fum, invecite di difindi el derit di no fuma, di fa persuasion tra chei che no fumin par che no colin tal vizi e tra chei che fumin par convinciu a smeti, e dispierdin le lor energje a tal diprez di chei che fumin.....

el plui des voltis le gjustificazion e je cheste:

tu mi as sbeleat fin ir, cumo o ai dut el dirit di sbeleati jo

tu ses nazionalist, o ai derit di sedilu cetant pe me nazion

le me cussience mi dis che tu as pescjat dai mei dirits, mi plasaress pescja i toi...

Eco disin che lu cjati un spreco di energje lavora par fa cuintri invecite che par fa a pro magari cule scuse di un improbabil e stupit "contrapas".


p.s. e no tabai di chel che le a cui toscans che chel al e dome un puar dordel.
ITalo

Anonimni pravi ...

Chi pensava che la peggior retorica anti-friulana e contro le altre minoranze fosse finita in soffitta con la caduta della Cortina di Ferro, sarà ora che si ricreda ed anche velocemente.
Per aprire gli occhi a quanti si illudono che Alleanza Nazionale sia un partito moderno e democratico, riportiamo qui di seguito alcuni tratti dell’ illuminante pensiero politico di Roberto Menia, politico di professione nonché coordinatore regionale di AN.
Non serve sottolineare che noi la pensiamo in maniera diametralmente opposta all’ onorevole triestino, ci meraviglia invece vedere un partito che si dichiara “federalista” sulla carta come la Lega Nord e uno che si dichiara liberale come Forza Italia lasciare a briglia sciolta il loro alleato.
Si vede che la lezione delle votazioni regionali del 2003 non ha insegnato molto alla CDL. Attenzione, il 2008 è alle porte…

Eccovi il sunto del Menia-pensiero, ognuno ne tragga le proprie conclusioni:


…rispetto istituzionale e interesse nazionale debbono prevalere su meschini calcoli elettoralistici che rischiamo di travolgere i valori culturali e sociali su cui si fonda la vita civile del Friuli Venezia Giulia, regione italiana ed europea.
… Sarebbe paradossale, e bisogna avere il coraggio di dirlo, ricavare dalla tutela della lingua friulana, l’assunto che in regione esista una “minoranza” friulana, o addirittura una “nazione” friulana diversa da quella comune italiana.
tratto da www.robertomenia.it 27/07/2007


… interpretare i sentimenti della comunità regionale e in particolare di quel Friuli fiero sì della sua identità, del suo idioma e delle sue tradizioni, che si sente però - come è giusto - parte integrante della più vasta comunità e identità italiana.
… In quella legge (la 482/99 n.d.r.), voglio ricordare, è previsto all'art.1 che "la lingua ufficiale della Repubblica è l'italiano". Quell'articolo serve a stabilire comunque una gerarchia e a ribadire il carattere unificante della lingua nazionale. Fu introdotto (basta guardarsi gli atti parlamentari di allora) con un emendamento a firma mia e del fiorentino on. Migliori (An). Dicevo allora, e oggi lo ripeto, che «data la stretta connessione tra lingua e nazione, possiamo affermare che dove c'è unità linguistica c'è unità nazionale. Se si corrompe la prima, si frantuma la seconda.

…Denunciavo allora che «l'errore di questa legge sta nel fatto che essa si muova, da una parte, sulla premessa che il bilinguismo sia forma necessaria, per non dire ovvia, di tutela delle minoranze linguistiche, dall'altra promuovendo (ammesso che di promozione di tratti) a minoranze linguistiche popolazioni italiane che sono da sempre componenti della nazione italiana, come i friulani o i sardi».
Oggi sta avvenendo proprio questo: si vuole asserire che i friulani siano una minoranza all'interno della Patria italiana e che tale minoranza sia essa stessa una nazione in sé. Ripeto e continuerò a ripetere che è una follia considerare i friulani una minoranza, perché essi sono parte integrante della comune e plurale identità italiana,

… Ad adiuvandum, vorrei far notare che, nel dibattito all'Assemblea costituente sull'art. 6 Cost., non si fece ovviamente alcuna menzione dei friulani come "minoranza linguistica" e analogamente accadde in ordine alla costituzione della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, le radici della cui specialità stanno, come è noto, in tutt'altre vicende, seguite alla conclusione della seconda guerra mondiale.

… la conservazione di questo patrimonio culturale (il friulano, n.d.r.), storico e linguistico si realizza nella valorizzazione del costume, delle tradizioni, delle fedi, nella diffusione locale delle opere letterarie, nella diffusione più vasta di quelle che assurgano a valore dell'arte, nel sostegno pubblico ad associazioni, circoli, filodrammatiche, riviste che abbiano come fine la preservazione e la divulgazione di quel patrimonio dialettale o linguistico…

... con l'uso del friulano negli uffici pubblici, che, oltre a costituire un costo esorbitante e inutile per le istituzioni, crea corpi separati e privilegiati a detrimento della maggioranza dei comuni cittadini italiani. L'uso pubblico della lingua "minoritaria" esclude i non parlanti la stessa: non solo ad un italiano di Napoli o di Torino, ma pure di Trieste, non sarà in conclusione consentito ricoprire l'incarico, ad esempio, di segretario comunale a Udine…

…la "Carta Europea" sulle lingue minoritarie … prevede … la messa a disposizione di mezzi che permettano ai non parlanti una lingua regionale o minoritaria abitanti l'area ove quella lingua è praticata, di apprenderla, se essi lo vogliono".Quest'ultimo inciso è fondamentale e sta a dimostrare come, anche di fronte alle convenzioni europee, quella che viene presentato come un atto di tutela è in realtà un atto di arroganza e fuori dalle regole europee.
Settecento anni fa, Dante scriveva, nel capo primo del De vulgari eloquentia: "Habemus simplicissima signa", "abbiamo alcuni tratti fondamentali, in quanto agiamo come italiani, tratti di costumi, di abitudini, di lingua, rispetto ai quali si soppesano e si misurano le azioni italiane". Di questa tradizione è parte il popolo friulano …
tratto da “Il Piccolo” 03.08.2007



“Se Illy vuole il bilinguismo italiano –friulano, Prodi invece ci “regala” quello italiano-sloveno… Il Governo infatti, … compie un atto grave nel recepire …la presenza … della minoranza slovena, …
E’ questo un atto di arroganza e ottusità, che confligge con il volere delle istituzioni locali, con i sentimenti della popolazione, lesivo dell’identità nazionale italiana, che è destinato a riaprire conflitti che nessuno voleva riaprire.
Il mio appello ai Sindaci di Trieste, Gorizia, Cividale e tutti gli altri è a verificare tutte le possibili strade di impugnazione di un atto che appare già giuridicamente scorretto e comunque di rivolgersi immediatamente al Capo dello Stato perché non firmi un decreto che sarebbe contrario all’interesse generale, ai sentimenti italiani generale ed alla sua funzione di supremo garante dei valori nazionali”.
tratto da www.robertomenia.it 04.08.2007

www.frontefriulano.org